16 marzo 2011

il mio primo incarico! :-)

La mia prima fatica, si si, ho avuto il mio primo incarico da pasticcera!
Una mia collega, appena entrata al nono mese di gravidanza, ha voluto affidarmi la preparazione dei dolci per la festa di carnevale del suo bimbo di quasi 2 anni.
Ero emozionatissima, dopotutto ho sempre fatto i dolcetti ad uso personale e famigliare, qui invece ho dovuto preparare due torte e un bel vassoio di biscotti per degli sconosciuti, pauraaaa!!
Beh, iniziamo con i biscotti. Ho preparato della frolla aromatizzata al limone e alla vaniglia e dei baci di dama e delle U con della frolla alle mandorle.
Il vassoio in foto pesava 1.800gr, era bello carico!
Ecco un piccolo zoom sui biscottoni. Li ho volutamente fare medio/grandi perchè sarebbe stato più pratico farli tenere in mano a dei bimbi di quell'età, infatti ne tenevano uno per mano ;-)

Poi ho fatto una classicissima crostata di albicocche (scusate la foto ma era già inscatolata) che è stata particolarmente gradita dagli adulti (34cm di diametro)

ed infine...la grande fatica!
La torta carnevalesca al doppio cioccolato! 

Non ho voluto pasticciarla troppo, dopotutto le codette di zucchero facevano confusione già di loro :-)
e un particolare, la mascherina che messa piatta piatta sulla torta non mi piaceva, allora l'ho cotta su una base di carta stagnola appallottolata a forma di faccia con naso annesso e connesso. Magicamente è rimasta in piedi senza sbilanciarsi e ho potuto tranquillamente appoggiarla sulla torta come se fosse stata in 3D e soprattutto senza bisogno di altri sostegni.
L'ho poi spennellata di miele caldo e ho lanciato abbondanti codette su tutta la superficie, il risultato non è stato malaccio a mio avviso, l'importante poi è che sia piaciuta a chi l'ha commissionata, non credete?!

Torta al cioccolato carnevalesca

Per il pan di spagna 
(ingredienti per una leccarda da forno da 30x40cm circa, a me ne sono servite due dosi)
8 uova freschissime di gallinella felice
200gr di zucchero
200gr di farina 00
semini di una stecca di vaniglia
Procedimento:
Montare le uova con lo zucchero e la vanigia finché il composto non risulterà soffice ed areato. Io ho lasciato montare la planetaria alla massima velocità per 20 minuti e quasi quasi mi usciva il composto dalla ciotola da 5lt...
Aggiungere la farina setacciata e unirla poco per volta con movimenti decisi dall'alto verso il basso.
Infornare a 180° per 20 minuti sulla leccarda precedentemente foderata di carta da forno.

Per la crema al cioccolato della farcitura
500ml di latte
60gr di cacao amaro
40gr di maizena
150gr di zucchero
50gr di cioccolato fondente (o 100gr se avete carenze affettive da colmare)
150ml di panna fresca da montare
Procedimento:
Mescolare metà del latte con lo zucchero, la maizena ed il cacao facendo attenzione ai grumi del cacao, per questo vi consiglio di setacciarlo. Scaldare leggermente il latte ed unirlo, sempre fuori dal fuoco, al composto già ben amalgamato.
A questo punto portate il tutto ad ebollizione a fuoco moderato, appena inizia ad addensarsi mescolare energicamente con una frusta per un paio di minuti, togliere dal fuoco ed aggiungere il cioccolato a pezzetti.
Coprire bene con la pellicola a contatto e lasciar raffreddare.
Una volta fredda aggiungere la panna montata e farcire la torta.
Con questa dose ho farcito abbondantemente la torta e mi è rimasto un avanzo di qualche cucchiaiata che ho messo in un barattolino di vetro con il coperchio dopo aver aggiunto mezzo cucchiaio di Amaretto di Saronno e cosparso la superficie con 3 amaretti sbriciolati, fantastica anche così!

Per la copertura di cioccolato
Ho usato la ricetta della crema al cioccolato senza aggiungere la panna, ho usato solo 30gr di amido ed ho unito un cucchiaio di glucosio durante la cottura per rendere lucida la glassa, risultato: ottimo!
consistenza perfetta ed effetto lucido garantito.
L'ho decorata con una spatolina a pettine per ricreare delle piccole onde.

Per la decorazione:
un avanzo di pasta frolla
miele di acacia
codette di zucchero
Procedimento:
Dopo aver steso la frolla ho tagliato una mascherina a mano libera con la punta del coltello, l'ho cotta per 10 minuti a 180° e l'ho fatta raffreddare prima di togliere la stagnola che la sosteneva.
Ho scaldato nel microonde per pochi secondi il miele e l'ho spalmato velocemente sulla mascherina con un pennello di silicone. Ho poi attaccato le codette per ricoprire tutta la superficie.

Montaggio della torta:
Ho rifinito i pds con un coltello togliendo la crosticina marroncina che si era formata e ho rifilato i due rettangoli a misura. Ho preparato una bagna con una tazza di latte caldo e 3 cucchiai di zucchero e ho cosparso entrambe i rettangoli.
Ho steso la crema al cioccolato con la panna sul primo strato e ho ricoperto con il secondo strato di pds.
Ho lasciato la torta coperta in frigo fino al mattino (tenete conto che l'ho farcita alle 00:20 della sera prima) e al mattino successivo (ore 11:00) l'ho ricoperta con l'altra crema appena fatta e decorata con la spatola, le codette e la mascherina.

Io non l'ho assaggiata (intendo la torta finita, la crema certo che l'ho assaggiata! da farmi venire il mal di pancia ;-)) ma mi è arrivato un msg che mi diceva che era molto buona a soprattutto freschissima! Che soddisfazione dopo tutto questo lavoro!
un abbraccione!

7 commenti:

  1. Beh...e non potevi invitarci??
    la cose che per te è la più semplice ( i biscottinid i frolla) io li ho fatti una volta e mi si sono allargati in forno!un disastro!Quindi complimenti e speriamo sia il primo di molto altri incarichi! ^_^

    RispondiElimina
  2. saresti voluta veramente venire ad una festa con 15 bambini di età media 2 anni?? :-)

    RispondiElimina
  3. Grazie per essere passata da me. Bellissimo e interessante anche il tuo blog! Ti seguo.

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il tuo primo incarico!!! e' una grande emozione!!!

    RispondiElimina
  5. Wow..un tripudio di golosità!!!Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Ciao, piacere di conoscerti, complimenti per il tuo blog. Mi iscrivo come tua sostenitrice, e se vorrai contraccambiare, ne sarei felice! Un abbraccio, e aspetto le ricette. . .

    Irina

    RispondiElimina